Il Convento dell’Annunziata ospita la Filarmonica di Milano 

Il Convento dell’Annunziata ospita la Filarmonica di Milano 

Fino a Domenica 29 Luglio 2018, l’Ex Convento dell’Annunziata di Sestri Levante sarà la residenza estiva 2018 della LaFil – Filarmonica di Milano”, un’orchestra nuova e sperimentale che nasce come luogo d’incontro tra artisti provenienti da alcune delle più importanti Fondazioni, istituzioni e Teatri italiani (come l’Orchestra dell’Accademia Nazionale di Santa Cecilia, l’Orchestra Sinfonica Nazionale della RAI e l’Orchestra del Teatro alla Scala) e giovani musicisti attentamente selezionati. L’orchestra ha sede a Milano, dove il progetto ha preso forma ed è stata costituita la Fondazione, ma si propone di coinvolgere diverse location artistiche e culturali del panorama nazionale e internazionale. La scelta per la residenza estiva è ricaduta sullo spettacolore scenario offerto dalla Baia del Silenzio, seguiranno altri due appuntamenti annuali in diverse location come Dublino e New York.

Dichiara la Sindaca Valentina Ghio: “Sestri Levante ormai da tempo si caratterizza per la presenza di numerosi eventi in grado di coniugare il grande pubblico con una alta qualità culturale. La scelta dell’Ex Convento dell’Annunziata come residenza estiva de ‘La Fil – Filarmonica di Milano’ è un grande onore per la città, che potrà anche godere di due straordinari momenti di musica” – continua – “Desidero inoltre sottolineare la graditissima presenza al concerto di venerdì sera di Filippo Del Corno, Assessore alla Cultura del Comune di Milano, una presenza che non solo ci fa grande piacere ma che mi auguro sarà anche foriera di nuovi progetti e collaborazioni fra Sestri Levante e Milano.”

Da Lunedì 16 Luglio, i membri de LaFiL hanno quindi iniziato il progetto artistico portando in Baia musicisti affermati e giovani esecutori che soggiorneranno sul nostro territorio per due settimane dedicandosi interamente a momenti costruttivi e creativi all’interno del Convento dell’Annunziata.Tutto ciò è stato possibile principalmente grazie all’impegno delle diverse figure coinvolte: l’Editore Luca Formenton, finanziatore del progetto,  Roberto Tarenzi, organizzatore dell’evento, che con professionalità ha collaborato con il Comune di Sestri Levante e Mediaterraneo Servizi.

Questi sono solo i primi passi verso un promettente futuro in cui Sestri Levante si conferma un punto di riferimento per grandi momenti di musica, un luogo d’incontro per studenti e nomi celebri del settore.Questo progetto da avvio ad un nuovo percorso culturale che vede, negli ampi e unici spazi dell’Ex Convento dell’Annunziata, una vera e propria residenza estiva permanente di nuove e fresche generazioni di musicisti. Ottimi presupposti per una proficua collaborazione tra il Comune di Milano e il Comune di Sestri Levante con il fine di incentivare la cultura favorendo dialogo tra le due località.

LaFil è diretta da Marco Seco. Nato a Buenos Aires dove ha studiato pianoforte, composizione e contrabbasso, si è trasferito in Italia per completare i suoi studi in composizione e direzione d’orchestra presso il Conservatorio di musica “G. Verdi” di Milano. Durante questo periodo si è perfezionato all’Accademia Musicale Pescarese e all’Accademia Chigiana. 

Negli anni ha mantenuto un’importante collaborazione con l’Orchestra Sinfonica del Conservatorio di Milano con l’opportunità di lavorare a stretto contatto con musicisti di primario livello mondiale quali Gianandrea Noseda, Donato Renzetti, Enrico Dindo.

Il 2018 è stato segnato dal successo di un importante tour dirigendo nei teatri più prestigiosi della Germania, presso The Royal Danish Opera House di Copenaghen e alla Musikhuset Aarhus in Danimarca. Negli ultimi mesi ha debuttato in Nord America dirigendo “Il Matrimonio Segreto” per lo Spoleto Festival USA a Charleston, mentre in Italia sul podio della Filarmonica Arturo Toscanini.

“Essendo il progetto strutturato in residenze artistiche, LaFiL era alla ricerca di una casa estiva che coniugasse la possibilità di lavorare per due settimane in un luogo speciale che solo l’Italia offre. L’incontro fortunato con Valentina Ghio sindaco di Sestri Levante, attraverso la collaborazione  di Marcello Massucco di Mediaterranaeo Servizi, ci ha permesso di trovare la “casa” in luogo così sugestivo come l’Ex Convento dell’Annunziata.” – continua il Maestro Seco – “I programmi sono meditati sulla freschezza musicale e la capacità di sfruttare al meglio la possibilità di essere apprezzati “all’aperto”.”

LaFil dedicherà alla Baia del Silenzio, due serate di eccezionale musica: 

Venerdì 20 Luglio, h20.00:

Sergej Prokofiev

Sinfonia n.1 “Classica” in re maggiore, op. 25(17’)

Felix Mendelssohn

Sinfonia n. 4 “Italiana” in la maggiore, op. 90 (38’)

Sabato 28 Luglio, h21.30:

Ludwig van Beethoven

Sinfonia n.1 in do maggiore, op. 21 (35’)

Felix Mendelssohn

Sinfonia n. 3 “Scozzese” in la minore, op. 56 (42’)

 

LA GRANDE BELLEZZA SESTRI LEVANTE L’INCANTO DI SANTA CATERINA D’ALESSANDRIA

L’EVENTO

Sabato 21 luglio 2018, Anno Europeo dei Beni Culturali, alle ore 21:30, i ruderi dell’antico Oratorio di Santa Caterina d’Alessandria, sito storico di Grande Bellezza a Sestri Levante, distrutto nel 1944 dai bombardamenti della seconda guerra mondiale, ospitano con ingresso gratuito, la realizzazione, studiata appositamente per questa location, dello spettacolo teatrale che da 13 anni, in varie edizioni, con la partecipazione di straordinari attori e in oltre 40 città italiane, celebra la figura di MATILDE DI CANOSSA.

Lo spettacolo, guardando all’eccellenza della Santa Martire simbolo della Chiesa Cristiana in terra d’oriente, patrona di questo luogo d’incanto, mette al centro della narrazione una delle figure emblematiche del protagonismo della Donna nella Storia dell’umanità: Matilde di Canossa, la prima donna ad essere seppellita tra le tombe dei Santi in San Pietro.

A dare forma e parole alla rappresentazione della Vita Matildis, su un testo teatrale di Alma Daddario, con ideazione e regia di Consuelo Barilari, saranno due tra i più apprezzati attori della scena teatrale italiana: Edoardo Siravo e Alessandra Fallucchi.

La proposta di questo spettacolo vuole sottolineare la relazione tra la valorizzazione della Grande Bellezza di alcuni siti storici e di culto d’Italia e l’Eccellenza femminile nelle sue espressioni più alte.

INCONTRO ore 18 – CATERINA D’ALESSANDRIA MARTIRE E SANTA

Inoltre lo stesso giorno nella “Baia del Silenzio” di Sestri Levante, alle ore 18 nella sala dell’ex Convento dell’Annunziata, sede di Mediaterraneo Servizi, e adiacente all’Oratorio di Santa Caterina, ci sarà un incontro aperto al pubblico per la presentazione dello spettacolo al fine di ripercorrere, con ospiti e giornalisti, la storia e la presenza nell’arte a Sestri Levante di Santa Caterina di Alessandria V.M.

Incontro alle ore 18:00 con

Saluto: Valentina Ghio, Sindaco di Sestri Levante.

Introduce: Marcello Massucco, Amministratore Unico di Mediaterraneo Servizi.

Conduce: Silvana Zanovello, giornalista Il Secolo XIX.

Partecipano: Pietro Landriani e Mario Marcone, Confraternita dei Disciplinati di Santa Caterina d’Alessandria; Don Luciano Smirni, Santa Maria di Nazareth, Stefano Bigazzi, giornalista La Repubblica.

LO SPETTACOLO ore 2130

LA SAGA TEATRALE DI MATILDE DI CANOSSA CONTINUA…Il nuovo allestimento “site specific” dello spettacolo MATILDE DI CANOSSA a Sestri Levante sabato 21 luglio alle ore 2130 è realizzato dal Festival dell’Eccellenza al Femminile con il Comune di Sestri Levante e la Mediterraneo Servizi grazie alla Confraternita dei Disciplinati di Santa Caterina d’Alessandria e alla Parrocchia di S. Maria di Nazareth tra i ruderi dell’Oratorio di Santa Caterina luogo di Grande Bellezza nella Penisola di Sestr Levante.

Questo allestimento per il sito di Santa Caterina è uno spettacolo unico e irripetibile pensato per il luogo con un impianto scenico strutturato ex novo sulla pianta a croce dell’antico oratorio medievale distrutto nel ’44 dai bombardamenti della seconda guerra mondiale. Una lunghissima passerella riproduce la Croce a centro della quale si trova imponente la statua in bronzo di Santa Caterina d’Alessandria, ai due mati della Croce stanno due troni, simboli dello Stato e della Chiesa, mentre in fondo alla Croce ci sono gli uomini, i miseri e i semplici; la platea è disposta in forma di trifoglio, e il pubblico sta seduto ai 3 lati della Croce. In questo allestimento è molto importante la concezione e divisione dello spazio scenico secondo il simbolismo cristiano.

La saga di MATILDE DI CANOSSA continua. Il personaggio storico “cult” a cui si ispira il Festival dell’Eccellenza al Femminile da XIII edizioni, torna in una nuova forma e con una nuova storia scritta da Alma Daddario, ideato con la regia e le immagini di Consuelo Barilari, nata a Sestri Levante direttora del Festival dell’Eccellenza al Femminile, a interpretarla Alessandra Fallucchi, attrice romana di razza della nuova generazione, a fianco della quale c é Edoardo Siravo, uno tra i più apprezzati attori italiani, ad interpretare i diversi ruoli maschili della storia: Bonifacio VIII, Enrico V e Donizone di Canossa il biografo di Matilde..

La saga teatrale su Matilde di Canossa iniziò 12 anni fa al Festival del Teatro Medievale di Anagni, con i ‘interpretazione di Manuela Kustermann. Il dramma ci mostrava la nostra eroina tra le mura della sua dimora tormentata di fronte alla necessita della guerra Santa con accanto il suo biografo, confessore frate Donizone di Canossa interpretato da Roberto Alinghieri.

La Matilde che oggi 12 anni dopo mettiamo in scena come grande ritorno al personaggio di cui poco in realtà si é capito, é un’eroina vista nella sua giovinezza capace di dominare il presente e modificare la realtà storica del suo tempo, padrona del proprio destino. IO è la parola chiave di questo dramma, come parola dell’autodeterminazione poco concessa alle donne, soprattutto del suo tempo ..IO MATILDE…IO REGINA…IO FIGLIA E MADRE DI MIA MADRE….IO DONNA…. Solo Edoardo Siravo, fine dicitore, in diversissimi ruoli maschili le tiene testa: con passione la domina e la sostiene in tutti i passaggi della sua anima, dal cuore alla fredda decisione del Potere.

L’opera ha inizio.con l’ingresso in scena di 2 personaggi contemporanei, un uomo e una giovane donna, non importa se giornalisti, scrittori o gli stessi attori in carne ed ossa, sono esseri umani nella contemporaneitå in relazione e sullo stesso piano con il pubblico, per far capire che stiamo parlando di un argomento comune che ancora oggi ci fa riflettere e ci affascina. Le musiche contemporanee di Paolo Vivaldi accompagnano le immagini che io stessa ho scelto e curato per raccontare in modo più immediato alcuni passaggi. L’uomo e la donna contemporanei poi si perdono nel dramma e s’ identificano con la storia, si trasformano come fossero i personaggi e solo alla fine ritornano ma… qualcosa è cambiato, soprattutto per lei.

Ma chi e Matilde? Non basta un’ora, uno spettacolo, un’opera scritta, un festival per raccontarla. Noi stiamo lavorando da anni per avvicinarci a comprenderla, attraverso la parola, il teatro, la scena e crediamo che il Teatro serva anche a questo: farci entrare senza tempo nel dramma umano e nella Storia per prepararci al futuro.

GIANLUCA DE PASQUALE

3474189359

Schegge di Mediterraneo Via Ponte Calvi 6, 1/d – 16124 Genova

Tel. 010 6048277

www.eccellenzalfemminile.it

scheggemediterraneo@fastwebnet.it

segreteria@eccellenzalfemminile.it

Responsabile: Consuelo Barilari

 

Manézzi inte n Manézzo

MuSel – Museo Archeologico e della Città di Sestri Levante

Presenta

Commedia dialettale in tre atti della Compagnia teatrale San Fruttuoso

Mercoledì 18 luglio – ore 21.00

Sestri Levante, Ex Convento dell’Annunziata, Sala Agave

Mercoledì 18 luglio, con inizio alle ore alle 21.00 (Ex Convento dell’Annunziata – Sala Agave), nell’ambito del programma di incontri ed eventi culturali “Estate al MuSel 2018”, il Museo archeologico e della Città di Sestri Levante propone la commedia brillante di Enrico Scaravelli, in lingua genovese e in tre atti, Manézzi inte n Manézzo. La regia è di Daniele Pellegrino e la commedia è interpretata dagli attori della Compagnia teatrale San Fruttuoso.

Per il secondo anno consecutivo proponiamo nel nostro programma estivo una tipica commedia in dialetto genovese. La valorizzazione della tradizione è compito istitutivo del MuSel, in quanto museo della città, della storia e dell’identità del nostro territorio spiega Fabrizio Benente, direttore del MuSel – Il dialetto genovese, con la sua cadenza, le sue particolari inflessioni, la scelta stessa delle parole, costituisce sicuramente una parte importante della cultura e delle tradizioni regionali. Una commedia teatrale è un modo piacevolissimo per farlo riscoprire ai residenti e per farlo conoscere agli ospiti e ai turisti che animano la stagione estiva di Sestri e del Tigullio”.

Ecco qualche anticipazione della trama:

In un paesino dell’entroterra genovese sta per essere avviata un’azienda agrituristica, con annesso maneggio di cavalli. Lì vive la famiglia Cavallo, intorno alla quale ruotano una serie di personaggi particolari che verranno tutti coinvolti, senza eccezioni, in esilaranti situazioni. Beppe – interpretato da Giorgio Oddone – è il padrone di casa, o almeno crede di esserlo, ha una grande passione per i cavalli e il “pallino” per gli affari. La moglie Cesira – l’attrice Gianna Cevasco – è una donna forte che esprime appieno tutta la saggezza e l’ironia contadina. Il figlio Remo – Alessandro Sasso – è uno studente romantico, che aspira ad un futuro ricco e piacevole.

Poi c’è l’amico Nando, che si dedica con uguale passione al vino come alle donne…prediligendo però il vino, che conosce decisamente meglio.

Beppe, con il “disinteressato” scopo di trattenere i giovani nei luoghi d’origine, rivalorizzare i vecchi sentieri montani e l’antica “via del sale”, pensa di “inandiare”, un’attività agrituristica, ovviamente con il contributo economico degli Enti locali e della Regione. Interverranno due personaggi: Bastiano, il funzionario della Regione e Violante, l’impiegata della Comunità Montana. Non sarà un’impresa facile, occorre un’idea forte, qualcosa che serva a far conoscere il luogo e ad attrarre tanta gente… Cosa potrà inventare l’astuzia e la saggezza “ligure”?

Per scoprire che cosa succederà e per conoscere gli esilaranti dettagli – conclude Benente – bisogna ovviamente assistere alla commedia messa in scena dalla Compagnia teatrale di San Fruttuoso. L’ingresso è libero ed è gratuito. Vi aspettiamo mercoledì 18 luglio, alle ore 21.00, presso il complesso dell’Annunziata, in Via Portobello, a Sestri Levante.

Nasce Segesta Magazine

A settembre è prevista la prima uscita di “Segesta Magazine”, un mensile online che tratterà di cultura, turismo ed economia legati alla città di Sestri Levante. La nuova testata giornalistica è stata registrata presso il Tribunale di Genova da Mediaterraneo Servizi, società interamente partecipata dal Comune di Sestri Levante. Il magazine avrà come direttore editoriale […]

XII EDIZIONE Sestri Levante 13 – 14 – 15 Luglio 2018

FESTIVAL FOTOGRAFIA

SESTRI LEVANTE – PENISOLA DI LUCE

Lanfranco Colombo

Tre giorni di eventi, esposizioni, discussioni, workshop, laboratori. Sestri Levante rinnova l’appuntamento con la Fotografia Internazionale, con il Festival Penisola di Luce, promosso dal Comune di Sestri Levante in collaborazione con Mediaterraneo Servizi.

E’ un grande orgoglio per il Comune di Sestri Levante essere partner dell’Associazione Carpe Diem nell’organizzazione di Penisola di Luce, un evento nato anche dalla volontà dell’indimenticabile Lanfranco Colombo, in cui l’Amministrazione Comunale ha creduto da subito, ben conoscendo la professionalità e la passione che muovono i membri dell’Associazione Carpe Diem.”- dichiara la Sindaca di Sestri Levante, Valentina Ghio.

La manifestazione, dedicata a Lanfranco Colombo, patrocinata dalla Regione Liguria e dalla FIAF – Federazione Associazioni Fotografiche, è organizzata dall’Associazione Culturale Carpe Diem, con la coordinazione artistica del presidente Roberto Montanari.

La kermesse ospiterà importanti esposizioni, tra cui una dedicata a Tina Modotti, fotografa e rivoluzionaria, a cura di Reinhard Schultz della Galleria Bildewert di Stuttgart. E, tra gli altri, il fotografo Gabriele Croppi, interprete acuto e profondo della metafisica del paesaggio e artista pluripremiato per i suoi lavori in Italia e all’estero, con In Italia; Chiara Samugheo, artista di fama internazionale, conosciuta come la fotografa delle dive,
prima donna a diventare fotografa professionista in Italia,
con la mostra Le mie Stelle, una raccolta di scatti alle star del cinema e dello spettacolo nel periodo tra gli anni Sessanta/Ottanta, tra cui Sofia Loren, Claudia Cardinale, Vittorio Gassman e Marlon Brando; Filippo Venturi, vincitore del Portfolio Italia 2017 con Korean Dream; l’Agenzia ONU per i Rifugiati (UNHCR) che presenta gli scatti premiati nel contest fotografico dedicato ai gesti e alle esperienze d’amore nel mondo, dal titolo Per Amore. Saranno esposti anche i lavori vincitori del PhotoHappening 2018: Di cuore,di mani, di fede di Renza Grossi e Oggi come ieri di Gigi Montali. Dichiara la sindaca

Altro importante evento della manifestazione è il concorso fotografico 12° Portfolio al Mare, che anche quest’anno vede Sestri Levante come quarta tappa della XV edizione del prestigioso circuito nazionale Portfolio Italia 2018 – Gran Premio Lumix; docenti FIAF e critici fotografici leggeranno i lavori dei partecipanti, con la novità che ai tavoli di lettura ci saranno Silvia Taietti e Giada Storelli, rispettivamente art director e redattrice della prestigiosa rivista Il Fotografo; i lavori selezionati saranno pubblicati sul mensile diretto da Denis Curti. Altra importante novità: la penisola di luce sarà tappa Nazionale “Terza edizione di lettura audiovisivi” a cura del dipartimento Diaf Fiaf diretto da Roberto Puato unitamente alla premiazione del concorso nazionale “Sestri Levante – 1° audiovisivo al mare”

Nel pomeriggio del 14 luglio, l’Associazione Amici del Leudo, metterà disposizione dei fotografi partecipanti, tavoli di lettura portfolio a bordo del leudo Nuovo aiuto di Dio, ultima storica imbarcazione ormeggiata al Pontile Margherita.

Al Centro Congressi Ex Convento dell’Annunziata, si svolgeranno i dibattiti, le proiezioni, le presentazioni e i laboratori. Ci saranno inoltre le bellissime serate spettacolo, dedicate al rapporto tra la fotografia e le altre forme d’arte.

Il 13 luglio, nella sala Agave dell’ex Convento dell’Annunziata, l’attrice e antropologa romana Alice Valente Visco interpreta un testo teatrale da lei scritto, L’ultima Rosa, che rievoca le passioni e lo spirito di una donna semplice e rivoluzionaria: Tina Modotti.

Il 14 luglio, nella sala Agave dell’ex Convento dell’Annunziata, un evento sui momenti più significativi del Sessantotto, dal titolo “68: Storia – Musica – Fotografia Un vento di libertà, curato da Roberto Montanari e Natalino Dazzi dell’Associazione Carpe Diem e da Silvano Bicocchi, direttore del Dipartimento Cultura FIAF. Dopo l’introduzione storica fatta dallo scrittore Giuseppe Lupo, Orietta Bay e Silvano Bicocchi leggeranno le immagini dei grandi autori mentre Alfredo Gioventù e Luigi “Dillo” apriranno lo spazio sulla musica del Sessantotto, commentando video di brani musicali originali.

Il Festival proseguirà con gli altri eventi previsti ad Agosto con mostre e serate a Sestri Levante in collaborazione con l’Associazione “O Leudo”, a Riva Trigoso nella nuova “Biblioteca del Mare” con la poetessa Danila Olivieri, a Dicembre nell’ambito di “Pane e Olio” per poi concludersi con la collettiva dei soci di Carpe Diem.

Per consultare l’intero programma della manifestazione e iscriversi alle letture portfolio: www.associazionecarpediem.org

www.comune.sestri-levante.ge.it

A cura di:

Associazione di Promozione Sociale e Culturale Carpe Diem

Corso Colombo, 50 Palazzo Fascie – Sestri Levante

www.associazionecarpediem.org